Il Libro di un Giudice svela cosa c'e' dietro?

06.08.2020

UNA "CONFRATERNITA" CHE CORROMPE LA GIUSTIZIA CIVILE E PENALE CHE COINVOLGE I MINORI, PER MOTIVI DI BUSINESS E NON SOLO....?


di Avv. Michela Nacca


Scuote la mia attenzione un articolo su un libro di denuncia di un Giudice del Tribunale per i minori americano, suscitandomi varie riflessioni sul sistema di Giustizia italiano e le inquietanti analogie riscontrate.

John Molloy è stato un Avvocato, ma soprattutto un Giudice del tribunale per i minori americano.

Nel 2004, dopo essere andato in pensione e poco prima di morire per un tumore, scrisse e pubblicò un libro- testamento denunciando che il sistema Giustizia americano fosse diventato corrotto dal business economico, imposto da avvocati e Giudici, collusi con altri professionisti paralegali , riuniti in una confraternita.

Un "sistema" che oggi in USA (ma non solo !) non rende più giustizia alle piccole vittime, ai minori, divenuto totalmente disinteresssato alla verità ed ai fatti e che finisce dunque per difendere i più forti (forti per i loro soldi e/o per il loro potere/conoscenze o appartenenza alla confraternita o altre lobby) e costringe gli altri, le vittime, a subire.

Subire cosa? Una nuova forma di  violenza!

Quella istituzionale: ossia gli abusi commessi dalle istituzioni corrotte, consapevolmente o inconsapevolmente, da questo stesso sistema!

Il Giudice Molloy nel suo libro mette in evidenza come questo sistema di business e potere sia stato alimentato e attuato da strategie precise:

1. La reinterpretazione giurisprudenziale distorcente di principi costituzionali.

Una reinterpretazione che, pur partendo da decisioni di singoli tribunali inferiori, ha finito - col tempo e grazie all'azione di importanti studi legali, nonché di lobby di potere - col dettare questa distorta linea giurisprudenziale anche ai tribunali di grado superiore, alla dottrina e infine persino al legislatore.

Anche in Italia stiamo assistendo da decenni a questo percorso distorsivo, da ultimo esitato con la presentazione del ddl 735 e 45 nel 2018 o l' ordinanza di Cassazione 9143/2020.

2. Intasamento dei Tribunali.

Con l'intasamento dei tribunali, ritardando i tempi dei processi, e' più facile che i procedimenti diventino farraginosi, che i fatti possano essere dimenticati, sotto cumuli di istanze e carte, affinché le sentenze finali diventino superficiali, così da giungere piu' agevolmente ad archiviazioni, assoluzioni o decisioni irragionevoli, non aderenti né coerenti con i fatti .

3. Ma in che modo si intasano i Tribunali?

In primis aumentando il numero degli avvocati coinvolti con il tipo di procedimenti di cui si vuole distorcere la definizione giudiziale!

Più Avvocati coinvolti, piu' ricorsi con la medesima linea difensiva, più probabilità che venga accolta la linea giurisprudenziale che si vuole far affermare.

Poi rendendo le procedure più complicate, la burocrazia più farraginosa.

4. Il Giudice Molloy parla della creazione di nuove figure paralegali e l'inserimento di esse  nel processo decisionale finale (mediatori, coordinatori, tutori, curatori, assistenti sociali, ctu) così da ampliare il business, il numero dei professionisti coinvolti , rendendo piu farraginoso il meccanismo, ma soprattutto deresponsabilizzato il Giudice.

5. Inserire nel processo decisionale persone non competenti in ambito giuridico.

Vi dicono qualcosa le nomine di Giudici onorari non laureati in pedagogia, biologia, psicologia ma "cultori" di tali materie?

6. Creare situazioni e inserire persone in chiaro conflitto di interesse,

7. Ampliare e rendere più complesssi i meccanismi burocratici

8. Usare sistemi/strategie /teorie difficili da comprendere, se non ad "addetti", così da confondere tutti gli altri: in primis le vittime del sistema.

(Ed è per questo che abbiamo deciso di fondare Maison Antigone e di divulgare gratuitamente , via social, rendendoli comprensibili a madri, vittime e giornalisti, i meccanismi dei tribunali per i minori e sez famiglia, laddove quando questi sono chiamati a decidere dell'affido di minori che hanno denunciato abusi, attraverso la applicazione distorta di principi come la bigenitorialita' e l'utilizzo di strumenti non giuridici (quali la Carta di Noto e la pseudoteoria Pas/Alienazione Parentale), ne dispongono la custodia finendo per affidarmi, collocati proprio presso i genitori abusanti).

La traduzione e il maiuscolo dell'articolo di introduzione al testo del Giudice Molly è nostro.

"Il giudice John F. Molloy era un avvocato dell'Arizona che ha continuato a servire come giudice al banco della Corte Superiore dell'Arizona. Probabilmente è meglio conosciuto per il suo periodo di servizio come giudice Capo alla Corte d'Appello dello Stato dell'Arizona, dove è stato autore della famosa decisione Miranda, successivamente appellata alla Corte Suprema degli Stati Uniti e ribaltata, con il risultato di ciò che oggi è noto come "Miranda Rights", che le forze dell'ordine ora citano ai sospetti criminali al momento dell'arresto.

Il giudice Molloy ha scritto un libro che è stato pubblicato nel 2004 pochi anni prima di morire nel 2008. Sembra che all'epoca soffrisse di cancro, e forse sapeva che il tempo che gli rimaneva sulla terra fosse breve. Il titolo del libro è: La Fraternità: Avvocati e giudici in collusione, pubblicato da Paragon House.

Un estratto del libro è stato pubblicato e copiato in molti posti su Internet oggi, ristampato secondo la disposizione "fair use" del Titolo 17 U.S.C. § 107. Si tratta di un'incredibile esposizione su quanto sia corrotto oggi il sistema giudiziario americano, e forse ci dà una migliore comprensione di come molti giudici nei tribunali per la famiglia o per i minori in tutti gli Stati Uniti siano in grado di rimuovere con successo i bambini dalla custodia dei loro genitori nei casi di rapimento medico.


"LA FRATERNITÀ" - LA CORRUZIONE DEL SISTEMA GIUDIZIARIO DENUNCIATA DA UN GIUDICE

Pennsylvania Court Watch

"La professione di avvocato, un tempo onorabile, funziona ora pienamente come un'attività economica, guidata dall'avidità e dal perseguimento del potere e della ricchezza, anche modellando le leggi degli Stati Uniti al di fuori del Congresso eletto e delle legislature statali".

Il giudice John F. Molloy

Quando ho iniziato a praticare il diritto nel 1946, la giustizia era molto più semplice. Sono entrato in un piccolo studio di Tucson con uno stipendio di 250 dollari al mese, un eccellente compenso per un avvocato principiante. Non c'era personale paralegale o costose opere d'arte sulle pareti. A quei tempi il sistema giudiziario era semplice ed efficiente. Le decisioni venivano emesse da giudici che applicavano la legge come previsto dalla Costituzione e dalle legislature statali. I casi andavano in giudizio in un mese o due, non in anni. In aula, l'attenzione era rivolta a scoprire e determinare VERITÀ e FATTI.

Ho fatto pagare ai clienti quello che sono stato in grado di fare per loro. L'orologio non ha iniziato a ticchettare nel momento in cui hanno varcato la porta.

Guardando indietro

La professione legale si è evoluta notevolmente durante i miei 87 anni. Sono un avvocato di seconda generazione di una famiglia di immigrati irlandesi che si è stabilita a Yuma. Mio padre, che ha superato l'ordine degli avvocati con un'istruzione di quinta elementare, ha finito per discutere un caso davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti durante la sua carriera.

La legge è cambiata drasticamente durante i miei anni di professione. Per esempio, quando ho accettato la mia prima nomina a giudice della Contea di Pima nel 1957, ho visto che gli avvocati si aspettavano che io facessi più l'arbitro che il giudice. Il tribunale della contea che presiedevo assomigliava a un'arena di gladiatori, con avvocati che si sfidavano a duello per ottenere punti e che si scontravano con incarichi calcolati e ingenui.

Quello era solo l'inizio. Quando ho concluso i miei 50 anni di carriera come avvocato, giudice e presidente del più grande studio legale dell'Arizona meridionale, non avevo più fiducia nella fratellanza legale a cui avevo partecipato e di cui, sì, ne avevo tratto profitto.

Ero l'insider definitivo, ma guardando indietro, sentivo di dover scrivere un libro su questioni serie nella professione legale e sulle implicazioni per i clienti e per la società nel suo complesso. La Fraternità: Avvocati e Giudici in Collusione era in cantiere da 10 anni ed è diventata la mia chiamata ad agire per una riforma legale.

Evoluzione inquietante

La nostra Costituzione prevedeva che solo i legislatori eletti fossero autorizzati a creare leggi.
Eppure i giudici creano la propria legge nel sistema giudiziario sulla base delle proprie opinioni e delle proprie sentenze.
Si chiama giurisprudenza, e viene sfornata ogni giorno attraverso le sentenze dei giudici.
Quando un giudice emette una sentenza e quella sentenza sopravvive all'appello con il livello successivo di giudici, diventa giurisprudenza, o precedente legale.
Questo accade ora in modo così coerente che siamo diventati più soggetti alle sentenze dei giudici piuttosto che alle leggi degli organi legislativi delineate nella nostra Costituzione.

Questo sistema giurisprudenziale è un incubo costituzionale perché modifica continuamente l'intento costituzionale.

Per gli avvocati, tuttavia, crea infinite opportunità commerciali. Questo perché la giurisprudenza è tecnicamente complicata e richiede l'esperienza di un avvocato per guidarvi e muovervi attraverso il sistema. Il sistema giudiziario può iniziare con le leggi promulgate, ma le variazioni che derivano dall'applicazione della giurisprudenza da parte del giudice ne cambiano troppo spesso il significato finale.

Dominio dell'avvocato

Quando un avvocato si mette la toga e prende il banco, viene chiamato giudice. Ma in realtà, quando i giudici guardano in basso dal banco, sono avvocati che guardano i membri della loro confraternita. In qualsiasi altro settore del sistema della libera impresa, questo sarebbe visto come un CONFLITTO DI INTERESSI.

Quando un avvocato presta giuramento come giudice, non fa altro che rafforzare la classe dirigente di avvocati e giudici. Prima di tutto, nelle contee di Maricopa e Pima, i giudici non vengono eletti ma nominati da comitati di avvocati, insieme ai cittadini interessati. Come ci si può aspettare che non siano in debito con chi li ha elevati al banco (del tribunale)?

Quando lasciano il banco, molti ritornano in grandi studi legali di successo che fanno leva sui loro nomi e sulle loro relazioni.

Il business del diritto

Il concetto di "tempo" è stato convertito in enormi entrate per gli avvocati. La professione ha adottato sistemi elaborati in cui i clienti sono fatturati per il tempo di un avvocato in incrementi di sei minuti. LA PROFESSIONE PARALEGALE È UNA ALTRA IDEA DELLA CONFRATERNITA, CREATA COME UN ULTERIORE CENTRO DI MONITORAGGIO E DI REDDITO.
Le aziende ad alta potenza hanno suddiviso i loro servizi in centri di profitto separati per l'omologazione e i trust, il processo, il commerciale, e così via.

La professione di avvocato, un tempo onorabile, ora funziona pienamente come un'attività economica, guidata dall'avidità e dalla ricerca del potere e della ricchezza, dando persino forma alle leggi degli Stati Uniti al di fuori del Congresso eletto e delle legislature statali.

Disegno burocratico

Oggi l'abilità e la bravura degli avvocati, non la verità, spesso determinano l'esito di un caso. E noi avvocati lo amiamo. TUTTI GLI STRUMENTI SONO LI PER OSCURARE E CONFONDERE. Il processo di scoperta del sistema e la regola dell'esclusione spesso funzionano per mantenere le informazioni vitali off-limits per i giurati e RENDERE I CASI COSI CONTORTI E COMPLESSI CHE SOLO GLI AVVOCATI E I GIUDICI LI CAPISCONO.

L'effetto netto è stato quello di aumentare il nostro bisogno di avvocati, di CREARE PIÙ LAVORO PER LORO, di INTASARE I TRIBUNALI E DI GARANTIRE CHE LA MAGGIOR PARTE DEI CASI NON VENGANO MAI PROCESSATI E SIANO, INVECE, PATTEGGIATI E COMPROMESSI.
Tutto questo mentre il tempo scorre e il mostro viene nutrito.

L'insudiciamento del diritto americano ha portato a una fonte di denaro per i professionisti del diritto, mentre LA GENTE COMUNE, che è SEMPRE PIÙ COLPITA DA CAMBIAMENTI GUIDATI DAGLI AVVOCATI E DA UNA BUROCRAZIA COSTOSA E EGOISTA, è lasciata confusa e mal servita.
OGGI SI STIMA CHE IL 70 per cento dei cittadini a basso e medio reddito NON PUÒ PIÙ PERMETTERSI IL COSTI DELLA GOUSTIZIA IN AMERICA.
Cosa penserebbero i nostri Padri Fondatori?

Questa devoluzione del potere legislativo da parte della magistratura è stata sottile, e ha avuto luogo in modo graduale nel corso dei decenni. Ma oggi è incisa nel nostro sistema giuridico, e pochi la mettono in discussione. Ma il risultato è chiaro. Gli individui non possono più partecipare al sistema giuridico.

È diventato troppo complesso e troppo costoso, alimentando la nostra dipendenza dagli avvocati. COMPLICANDO LA LEGGE, gli avvocati hanno ottenuto la massima sicurezza sul lavoro.
Sono finiti i giorni in cui i tribunali americani funzionavano per servire la giustizia in modo semplice e rapido. Si stima che 95 milioni di azioni legali passino ora attraverso i tribunali ogni anno, e il tempo e le spese per un querelante o un imputato nel nostro sistema legale possono essere assolutamente schiaccianti.

Sicuramente è il momento di mettere in discussione ciò che è successo al nostro sistema giudiziario e di chiedersi se è possibile tornare a un sistema che ci protegge veramente dai torti.

Un avvocato di Tuscon, Arizona, John Fitzgerald Molloy (nato nel 1917) è stato eletto al banco della Corte Superiore, dove ha servito per sette anni sia come giudice del tribunale dei minori che come giudice di processo. Successivamente è stato eletto alla Corte d'Appello dove è stato autore di oltre 300 pareri d'appello, compresa la decisione finale di Miranda per la Corte Suprema dell'Arizona. Durante questo periodo è stato anche presidente dell'Associazione dei giudici dell'Arizona. Dopo 12 anni, Molloy è tornato alla pratica privata per diventare presidente del più grande studio legale dell'Arizona meridionale. Il suo libro ha ricevuto ampi elogi per la sua schiettezza e le sue inquietanti verità."

Articolo in lingua originale:

"Justice John F. Molloy was an attorney in Arizona who went on to serve as a judge on the Arizona Superior Court bench. He is probably best known for his time serving as Chief Justice to Court of Appeals for the State of Arizona, where he authored the famous Miranda decision that was subsequently appealed to the U.S. Supreme Court and overturned, resulting in what is known today as the "Miranda Rights" which law enforcement now quotes to suspected criminals upon arrest.
Judge Molloy wrote a book that was published in 2004 a few years before he died in 2008. He was apparently suffering from cancer at the time, and perhaps knew his remaining time on earth was short. The title of the book is: The Fraternity: Lawyers and Judges in Collusion, published by Paragon House.
An excerpt from the book has been published and copied in many places on the Internet today, reprinted in accordance with the "fair use" provision of Title 17 U.S.C. § 107. It is an amazing expose on just how corrupt the American Judicial System is today, and it perhaps gives us a better understanding on how so many judges in family or juvenile courts across the United States are able to successfully remove children from the custody of their parents in medical kidnapping cases.

"THE FRATERNITY "- THE CORRUPTION OF THE LEGAL SYSTEM EXPOSED BY A JUDGE

Pennsylvania Court Watch
"The once honorable profession of law now fully functions as a bottom-line business, driven by greed and the pursuit of power and wealth, even shaping the laws of the United States outside the elected Congress and state legislatures."
Justice John F. Molloy
When I began practicing law in 1946, justice was much simpler. I joined a small Tucson practice at a salary of $250 a month, excellent compensation for a beginning lawyer. There was no paralegal staff or expensive artwork on the walls. In those days, the judicial system was straightforward and efficient. Decisions were handed down by judges who applied the law as outlined by the Constitution and state legislatures. Cases went to trial in a month or two, not years. In the courtroom, the focus was on uncovering and determining truth and fact.
I charged clients by what I was able to accomplish for them. The clock did not start ticking the minute they walked through the door.
Looking back
The legal profession has evolved dramatically during my 87 years. I am a second-generation lawyer from an Irish immigrant family that settled in Yuma. My father, who passed the Bar with a fifth-grade education, ended up arguing a case before the U.S. Supreme Court during his career.
The law changed dramatically during my years in the profession. For example, when I accepted my first appointment as a Pima County judge in 1957, I saw that lawyers expected me to act more as a referee than a judge. The county court I presided over resembled a gladiator arena, with dueling lawyers jockeying for points and one-upping each other with calculated and ingenuous briefs
That was just the beginning. By the time I ended my 50-year career as a trial attorney, judge and president of southern Arizona's largest law firm, I no longer had confidence in the legal fraternity I had participated in and, yes, profited from.
I was the ultimate insider, but as I looked back, I felt I had to write a book about serious issues in the legal profession and the implications for clients and society as a whole. The Fraternity: Lawyers and Judges in Collusion was 10 years in the making and has become my call to action for legal reform.
Disturbing evolution
Our Constitution intended that only elected lawmakers be permitted to create law. Yet judges create their own law in the judicial system based on their own opinions and rulings. It's called case law, and it is churned out daily through the rulings of judges. When a judge hands down a ruling and that ruling survives appeal with the next tier of judges, it then becomes case law, or legal precedent. This now happens so consistently that we've become more subject to the case rulings of judges rather than to laws made by the lawmaking bodies outlined in our Constitution.
This case-law system is a constitutional nightmare because it continuously modifies constitutional intent. For lawyers, however, it creates endless business opportunities. That's because case law is technically complicated and requires a lawyer's expertise to guide and move you through the system. The judicial system may begin with enacted laws, but the variations that result from a judge's application of case law all too often change the ultimate meaning.
Lawyer domination
When a lawyer puts on a robe and takes the bench, he or she is called a judge. But in reality, when judges look down from the bench they are lawyers looking upon fellow members of their fraternity. In any other area of the free-enterprise system, this would be seen as a conflict of interest.
When a lawyer takes an oath as a judge, it merely enhances the ruling class of lawyers and judges. First of all, in Maricopa and Pima counties, judges are not elected but nominated by committees of lawyers, along with concerned citizens. How can they be expected not to be beholden to those who elevated them to the bench?
When they leave the bench, many return to large and successful law firms that leverage their names and relationships.
Business of law
The concept of "time" has been converted into enormous revenue for lawyers. The profession has adopted elaborate systems where clients are billed for a lawyer's time in six-minute increments. The paralegal profession is another brainchild of the fraternity, created as an additional tracking and revenue center. High powered firms have departmentalized their services into separate profit centers for probate and trusts, trial, commercial, and so forth.
The once-honorable profession of law now fully functions as a bottom-line business, driven by greed and the pursuit of power and wealth, even shaping the laws of the United States outside the elected Congress and state legislatures.
Bureaucratic design
Today the skill and gamesmanship of lawyers, not the truth, often determine the outcome of a case. And we lawyers love it. All the tools are there to obscure and confound. The system's process of discovery and the exclusionary rule often work to keep vital information off-limits to jurors and make cases so convoluted and complex that only lawyers and judges understand them.
The net effect has been to increase our need for lawyers, create more work for them, clog the courts and ensure that most cases never go to trial and are, instead, plea-bargained and compromised. All the while the clock is ticking, and the monster is being fed.
The sullying of American law has resulted in a fountain of money for law professionals while the common people, who are increasingly affected by lawyer-driven changes and an expensive, self-serving bureaucracy, are left confused and ill-served. Today, it is estimated that 70 percent of low-to-middle-income citizens can no longer afford the cost of justice in America. What would our Founding Fathers think?
This devolution of lawmaking by the judiciary has been subtle, taking place incrementally over decades. But today, it's engrained in our legal system, and few even question it. But the result is clear. Individuals can no longer participate in the legal system.
It has become too complex and too expensive, all the while feeding our dependency on lawyers. By complicating the law, lawyers have achieved the ultimate job security. Gone are the days when American courts functioned to serve justice simply and swiftly. It is estimated that 95 million legal actions now pass through the courts annually, and the time and expense for a plaintiff or defendant in our legal system can be absolutely overwhelming.
Surely it's time to question what has happened to our justice system and to wonder if it is possible to return to a system that truly does protect us from wrongs.
A lawyer from Tuscon, Arizona, John Fitzgerald Molloy (b. 1917) was elected to the Superior Court bench where he served for seven years as both a juvenile court and trial bench judge. He subsequently was elected to the Court of Appeals where he authored over 300 appellate opinions, including the final Miranda decision for the Arizona Supreme Court. During that period, he also served as president of the Arizona Judge's Association. After 12 years, Molloy returned to private practice to become president of the largest law firm in southern Arizona. His book has received widespread praise for its candor and disquieting truths".