Se la ex lo ha denunciato per violenza e con te fa il principe azzurro "aiutandoti" nel lavoro o nelle relazioni: beh e' un controllante coercitivo e prima o poi la prossima vittima potresti essere tu!

13.01.2021

di Avv. Michela Nacca

Pubblichiamo la traduzione del primo capitolo del libro  " Perche lo fa'? "  pag. 43-85  di Landy Buncroft, in cui l' esperto di DV (Violenza Domestica) e controllo coercitivo spiega le dinamiche  comportamentali  degli uomini maltrattanti.


'Perché lo fa?'



Capitolo 1: Il mistero

ASCOLTA LE VOCI DI QUESTE DONNE:

"Ha una doppia personalità. Mi sembra di vivere con il dottor Jekyll e il signor Hyde.Non vuole davvero farmi del male. Perde solo il controllo.Il resto del mondo lo trova meraviglioso. Non so cosa lo faccia inciampare.Sta bene quando è sobrio. Ma quando ha bevuto, fai attenzione!Mi sento come se niente di quello che faccio possa renderlo felice.Mi ha spaventato un paio di volte, ma non tocca mai i bambini. È un grande padre.Mi chiama in modo schifoso e un'ora dopo vuole fare l'amore. Io non capisco niente.A volte suona nella mia testa.Cioè, sa davvero come lavoro. 'Perché lo fa?

Queste sono le parole delle donne che descrivono la loro ansia e il conflitto interno sulla loro relazione. Ognuna di loro sa che qualcosa non va - di molto sbagliato - ma non riescono a individuarlo del tutto. Ogni volta che pensano  di aver capito come si comporta  il loro partner, di aver capito cosa la preoccupa, succede qualcosa di nuovo, qualcosa cambia. I pezzi del puzzle si rifiutano di combaciare. Ognuna di queste donne cerca di dare un senso agli alti e bassi di una relazione che è diventata come un luna park.

Ascoltiamo il rapporto di Christine:

"Quando ho incontrato per la prima volta Maurice, era l'uomo che avevo sognato. Sembrava troppo bello per essere vero. Era affascinante, divertente, intelligente e, soprattutto, ero io. Ho avuto modo di parlargli candidamente delle situazioni difficili che avevo attraversato negli ultimi anni e lui ha preso la mia parte in tutto questo. Ed era sempre pronto a fare le cose - qualunque cosa volessi, era d'accordo. Il nostro primo anno insieme è stato meraviglioso.

Non saprei dire esattamente quando le cose hanno iniziato a cambiare. Mi sembra che sia successo quando ci siamo trasferiti insieme. Prima mi ha detto che aveva bisogno di più spazio. Non ho capito perché mi è sempre sembrato che fosse lui a volere sempre che passassimo tutto il nostro tempo insieme.Poi ha iniziato a criticarmi ea lamentarsi più spesso. Ha detto che ho parlato troppo e che ero troppo egoista. Forse lo sono - è vero che parlo molto. Ma all'inizio mi sono sentito come se non si fosse mai stancato di sentirmi parlare di me stesso. Poi ha iniziato a dire che non ho fatto niente della mia vita. So che ha molte ambizioni e forse ha ragione che dovrei averne di più, ma sono contento di quello che ho. Poi ha attaccato la mia vita. Presto mi sono sentito come se mi dicessero costantemente che dovevo fare più esercizio fisico, che non stavo osservando abbastanza la mia dieta. Ad essere onesti, quelle sono state le parole che mi hanno ferito di più. Sembrava volesse fare l'amore sempre meno spesso e se fossi stato io a fare i primi passi, non c'era niente che potesse fare.Siamo ancora insieme, ma ho la sensazione che mi lascerà. Sembro solo incapace di dargli quello che vuole. Ci provo, ma lui pensa di no. E oggi, quando è davvero arrabbiato o frustrato, mi dice cose che mi demoliscono. Qualche giorno fa, ha detto: 'Sei solo una ragazza sporca e pigra, che vuole solo vivere di un uomo come tua madre. 'Non capisco niente: contribuisco molto alle nostre spese domestiche. Anche se ho smesso di lavorare da quando il nostro bambino è nato due anni fa, mi sto preparando a tornare nel mondo del lavoro. Non credo che intendesse quello che ha detto, ma ...Dice che sono cambiata molto, ma non sono sempre convinta di essere io. A volte per qualche giorno sembra il ragazzo di cui mi sono innamorata e la mia speranza rinasce; ma poi ricade nella sua insoddisfazione per me. È come se in qualche modo lo stessi facendo, ma non so cosa sto facendo di sbagliato. '


Christine è turbata da diverse domande. Cosa è successo all'uomo che amava così tanto? Perché la denigra costantemente? Cosa può fare per fermare le sue esplosioni? Perché pensa che sia stata lei a cambiare?

Altre donne testimoniano situazioni molto diverse da quella di Christine, ma provano altrettanta confusione.

Ascoltiamo la storia di Barbara:

François è piuttosto riservato e timido. Ma è super carino e mi sono innamorata di lui dal primo giorno che l'ho visto. Dovevo davvero andare a prenderlo; era difficile accedervi. A volte uscivamo e facevamo conversazioni fantastiche e non vedevo l'ora di rivederlo. Ma potrebbero passare tre settimane senza che io lo sentissi; mi ha detto che era stato malato, o che sua sorella era in città, qualunque fosse la ragione. Qualche volta ha persino dimenticato i nostri appuntamenti. Alla fine si è aperto con me, per dirmi che aveva avuto un'esperienza molto dolorosa. Era stato giocato spesso alle sue spalle e le donne gli avevano fatto delle cose piuttosto cattive. Adesso aveva paura.

A poco a poco si è riscaldato, ma sono stato proprio io a prendere l'iniziativa. Ho cercato di dimostrargli che non ero come i suoi precedenti partner. Io non flirto. Non ostento il mio corpo ad altri uomini. Semplicemente non è il mio stile. Ma Francois non voleva credermi. Fingeva sempre che guardassi un altro uomo seduto più in basso o guardassi qualcuno che passava. Mi addolorava per lui sentirsi così insicuro. Sua madre ha tradito suo padre quando era giovane, e credo che questo non lo abbia aiutato.

Non vedevo l'ora di sposarmi perché immaginavo che lo avrebbe aiutato a renderlo più sicuro che fossi sua, ma era molto riluttante a impegnarsi. Quando finalmente ci siamo sposati, all'inizio era più fiducioso, poi la sua gelosia è riemersa e da allora è durata.

Gli ho suggerito di andare a vedere un terapista per anni di tanto in tanto, ma poi si arrabbia molto e dice che non c'è niente che non va.

Pochi giorni fa siamo stati invitati per la festa di compleanno di un amico e ho avuto una conversazione molto interessante con il fratello di quell'amico. Stavamo solo parlando, davvero, il ragazzo non ha nemmeno un bell'aspetto. Bene, Francois voleva improvvisamente tornare a casa, dicendo che aveva un forte mal di testa. Durante il viaggio di ritorno a casa, ho scoperto che il vero motivo era che era geloso. Ha iniziato a urlarmi contro, dicendo che era stanco di essere umiliato da me di fronte alle persone, di me che mi 'mettevo in mostra', ecc. eccetera. Stava colpendo il cruscotto e spingendomi due o tre volte contro la portiera. Ogni volta che ho detto che non era vero sarebbe esploso di nuovo, quindi ho smesso di dirlo. I nostri bambini erano seduti sul sedile posteriore e questa scena li ha terrorizzati.

Alla mia età, è difficile immaginare di lasciarlo. Sembra così difficile ricominciare tutto da capo. Vorrei solo che andasse a chiedere aiuto. '


Barbara ha problemi diversi rispetto a Christine.

Perché Francesco non riesce a fidarsi di lei e perché la isola dagli altri? Perché sembra incapace di vedere che ha un problema e non cerca aiuto? Un giorno la ferirà seriamente? La sua vita migliorerà mai?

A prima vista, Maurice e Francois non sono uguali: uno è giovane, popolare, energico e sfacciato; l'altro è socialmente riservato, passivo e facilmente ferito. François a volte è fisicamente violento; Maurice no. Ma sono così diversi come sembrano? O hanno una serie simile di problemi che guidano il loro comportamento sotto la superficie?

Queste sono alcune delle domande a cui troveremo risposta nei prossimi capitoli.


Ascoltiamo un ultimo report, quello di Laure:

"Paul è un ragazzo fantastico. Siamo usciti insieme per sei mesi e ora viviamo insieme da diversi mesi. Siamo fidanzati. Ho così tanta simpatia per lui: la sua ex moglie lo ha accusato di aver abusato di lei e questa è una bugia completa.

Ha commesso un errore, tradendola, e lei è determinata a fargliela pagare. Non si fermerà davanti a niente. Oggi si spinge addirittura a dire che era violento, sostenendo che l'ha schiaffeggiata un paio di volte e fracassato oggetti che le appartenevano.

È ridicolo! Sono con lui da più di un anno e posso assicurarti che non è assolutamente così. Paul non ha mai alzato la mano contro di me.

Infatti ha cercato di aiutarmi ad organizzare meglio la mia vita ed è stato per me una vera risorsa. Ero in condizioni terribili quando l'ho incontrato. Ero depressa e bevevo troppo, ma ora sto molto meglio, grazie a lui. Odio quella puttana per averlo accusato in quel modo.

Lavoreremo insieme io e lui per ottenere la custodia dei bambini perché questa donna è un pericolo pubblico. '

Laure si chiede come l'ex moglie di Paul possa accusare di violenza un uomo così meraviglioso. È così arrabbiata che perde diversi segnali di pericolo nella sua relazione con Paul.

Se Christine, Barbara e Laure si prendessero il tempo di confrontare le loro vite, potrebbero decidere che i loro coniugi non hanno davvero nulla in comune. Le loro personalità sembrano differire in ogni modo e le loro relazioni prendono strade molto diverse.

Eppure Maurice, Francois e Paul hanno molto più in comune di quanto sembri. I loro sbalzi d'umore, le loro scuse, la loro prospettiva provengono tutti dalla stessa fonte. E sono tutti e tre gli aggressori.


La tragedia della violenza domestica

La violenza contro le donne nelle relazioni intime tocca innumerevoli vite. Anche mettendo da parte situazioni di violenza puramente verbale o mentale ed esaminando solo aggressioni fisiche, le statistiche sono spaventose: da 2 a 4 milioni di donne vengono aggredite dai loro partner ogni anno negli Stati Uniti.  Il capo dei servizi sanitari degli Stati Uniti ha valutato che gli attacchi dei partner maschi sono la principale causa di lesioni subite dalle donne di età compresa tra i 15 ei 44 anni. L'American Medical Association riferisce che una donna su tre subirà violenza dal partner o dal marito nel corso della sua vita.

L'impatto emotivo della violenza domestica è un fattore in più di un quarto dei tentativi di suicidio da parte delle donne ed è una delle principali cause di abuso di sostanze tra le donne adulte.

Le statistiche del governo indicano che da 1.500 a 2.000 donne vengono uccise ogni anno negli Stati Uniti da un partner o ex partner, o più di un terzo di tutte le donne vittime di omicidio, e che questi omicidi sono quasi sempre culmine di una lunga storia di violenze, minacce e molestie criminali.

La violenza contro le donne colpisce anche la vita dei bambini. Gli esperti stimano che cinque milioni di bambini statunitensi all'anno vedono le loro madri maltrattate, un'esperienza che può lasciarli traumatizzati. I bambini esposti alla violenza domestica hanno tassi più elevati di comportamenti e problemi di attenzione a scuola, aggressività, abuso di sostanze, depressione e molti altri indicatori di sofferenza infantile.

La violenza contro le donne è stata riconosciuta come la causa di circa un terzo dei divorzi tra le coppie con figli e della metà di quelle per le quali l'affidamento è contestato.

Per quanto allarmante sia questa immagine, sappiamo anche che l'aggressione fisica è solo una parte della violenza che le donne possono subire.

Ci sono milioni di donne che non sono mai state picchiate ma che subiscono ripetute aggressioni verbali, umiliazioni, coercizioni sessuali e altre forme di abuso emotivo, spesso accompagnate da sfruttamento. economico.

La crudeltà mentale può lasciare cicatrici profonde e durature come ferite da pugno o da schiaffo, sebbene siano meno evidenti. Infatti, anche tra le donne che hanno subito violenza fisica da parte del partner, più della metà riferisce che la violenza emotiva dell'uomo è ciò che le ha maggiormente danneggiato.

Le differenze tra l'autore dell'abuso verbale e la donna che picchia non sono così marcate come la gente pensa. Il comportamento di ciascuno di questi aggressori proviene dalle stesse radici ed è motivato dalla stessa logica. Gli uomini di entrambe queste categorie attraversano lo stesso processo di cambiamento per superare le loro tendenze abusive - se cambiano, il che purtroppo è piuttosto raro. Inoltre, la distinzione è spesso vista offuscare: gli autori di violenza fisica aggrediscono anche le loro vittime verbalmente. Gli uomini che si dedicano alla crudeltà e alla manipolazione mentale si rivolgono gradualmente anche al bullismo fisico.

In questo libro scoprirai un'intera gamma di uomini, da quelli che non ricorrono mai alla violenza a quelli il cui comportamento terrorizza. Sarai senza dubbio sorpreso di vedere quanto questi uomini hanno in comune. 

Uno degli ostacoli al riconoscimento dell'abuso cronico nelle relazioni è che la maggior parte degli uomini violenti semplicemente non sembrano uomini violenti. Mostrano molte qualità desiderabili, inclusi momenti di tenerezza, generosità e umorismo, specialmente all'inizio di una relazione. Gli amici di un molestatore possono valutare molto bene di loro. Può avere successo nel suo lavoro e non usare droghe o alcol. Potrebbe semplicemente non corrispondere a come la gente pensa a una persona crudele o intimidatoria. Quindi, quando una donna sente che il suo matrimonio sta andando in pezzi, è improbabile che pensi che sia perché il suo partner potrebbe essere un violentatore.

Tuttavia i sintomi della violenza ci sono e la donna di solito li vede: le critiche sempre più frequenti, la generosità dell'inizio che si rivolge sempre più all'egoismo, gli sfoghi verbali quando è irritata o meno. non ottenere ciò che vuole. Le sue lamentele sono costantemente rivolte contro di lei, come se fosse tutta colpa sua. Si comporta sempre di più come se sapesse meglio di lei cosa è bene per lei. E, in molte coppie, la donna sperimenta un crescente senso di paura o intimidazione. Ma vede anche che il suo partner è un essere umano che a volte può essere premuroso e amorevole, e lei lo ama. Vuole capire perché si arrabbia così tanto, per aiutarlo a uscire da questo schema di montagne russe. Si ritrova trascinata nei labirinti del suo mondo, alla ricerca di indizi, muovendo pezzi nella speranza di risolvere un difficile puzzle.

È particolarmente sconcertata dai cambiamenti di umore dell'aggressore. Può essere una persona completamente diversa di giorno in giorno, o anche di ora in ora. A volte è aggressivo e intimidatorio, la sua voce fragile, pronuncia insulti e sarcasmo. Mentre è in questa modalità, nulla di ciò che dice sembra avere alcun effetto su di lui se non per renderlo ancora più aggressivo. I suoi argomenti non significano nulla per lui: è tutta colpa sua. Lui stravolge quello che dice, mettendola sulla difensiva. E come mi hanno detto tanti partner dei miei clienti, 'È come se non fossi bravo'.         Altre volte, sembra ferito e perso, affamato di amore e alla ricerca di qualcuno che si prenda cura di lui. Quando emerge questo aspetto della sua personalità, appare aperto e pronto a guarire. Sembra che abbia abbassato la guardia, la sua rigidità esteriore sta svanendo e può sembrare un bambino ferito, difficile e frustrante che vuoi amare. Guardandolo in questo modo, il suo partner difficilmente può immaginare che l'aggressore dentro di lui possa prendere il sopravvento. La bestia che diventa altre volte sembra non avere alcun legame con l'essere tenero che ora vede di fronte a lei.    Ma prima o poi il suo lato oscuro prende il sopravvento, come se avesse una vita tutta sua. Possono essere passate settimane di pace, ma si trova di nuovo sotto assedio. Quindi tortura la sua mente per cercare di districare i molti lati del suo partner, finché non si chiede se è lei quella con il problema.    E, ciò che peggiora le cose, tutti quelli con cui parla hanno un'opinione diversa sulla natura del suo problema e su cosa dovrebbe fare al riguardo. Il suo pastore potrebbe dirle: "L'amore vince tutte le difficoltà. Dedicagli tutto il tuo cuore e troverà la grazia divina. Il suo terapista parla un'altra lingua, ad esempio: 'Suscita forti reazioni in te perché ti ricorda tuo padre e tu gli causi problemi nel suo rapporto con sua madre. Dovete lavorare entrambi per non provocarvi a vicenda. Un amico alcolizzato in via di guarigione gli ha detto: 'È dipendente dalla rabbia. Ti controlla perché le sue stesse paure lo terrorizzano. Devi convincerlo a iscriversi a un programma in dodici fasi. Suo fratello potrebbe dirgli: 'È un bravo ragazzo. So che a volte perde il controllo con te - sì, è irritabile - ma non sei sempre un regalo .... Dovete trovare insieme una soluzione per il bene dei bambini. Infine, per aumentare la sua crescente confusione, potrebbe sentire sua madre, l'insegnante dei suoi figli o la sua migliore amica dire: 'È cattivo e pazzo e non cambierà mai'. Tutto quello che vuole è farti del male. Lascialo ora prima che peggiori. 'Tutte queste persone stanno cercando di aiutarla e parlano tutte dello stesso uomo violento. Ma nessuno di loro la vede allo stesso modo.

Vivendo con l'aggressore, la donna sa che non ci sono risposte facili. Gli amici gli dicono: 'È cattivo'. Ma lei conosce i molti modi in cui lui l'ha fatta sentire bene. Altri dicono: 'Ti tratta così perché sa di poterlo fare. Non mi permetterei mai di essere trattata in quel modo. Ma lei sa che è quando gli si oppone con più fermezza che lui è il più arrabbiato e intimidatorio. Quando lei non lo lascia andare, le fa pagare, prima o poi. I parenti gli dicono: 'Lascialo. Ma sa che le cose non si faranno così facilmente. Prometterà di cambiare. Farà amicizia e parenti per avere pietà di lui e farle pressioni per dargli un'altra possibilità. Diventerà gravemente depresso, facendola preoccupare per lui. E, a seconda del tipo di uomo violento che è, potrebbe sapere che diventerà ancora più pericoloso quando cercherà di andarsene. Potrebbe persino temere che lui cerchi di portarle via i suoi figli, come fanno alcuni molestatori.

Come può una donna maltrattata dipingere un'immagine chiara in tanta confusione? Come può trovare sufficienti parametri di riferimento sulle cause del problema del suo partner per decidere quale percorso scegliere?

Affronta i problemi urgenti.

Cinque dilemmi

Coloro che lavorano con uomini violenti e controllanti hanno affrontato le stesse domande nel loro lavoro. Sono stato co-direttore del primissimo programma di consulenza per molestie maschili negli Stati Uniti e forse nel mondo. Quando ho iniziato a offrire programmi del genere agli autori di abusi quindici anni fa, erano altrettanto misteriosi per me quanto lo erano per le donne con cui vivevano. I miei colleghi e io abbiamo dovuto mettere insieme un ritratto dagli stessi strani indizi di Christine, Barbara e Laure.

Diversi temi comuni sono emersi più e più volte nelle storie dei nostri clienti, inclusi questi: La sua versione della violenza è completamente diversa dalla tua.

Daniel, un uomo sulla trentina, ci ha fornito il seguente account quando si è iscritto al nostro gruppo di aggressori:


"Mia moglie Sandy ed io stiamo insieme da undici anni. Durante i primi dieci anni abbiamo avuto un buon matrimonio e non ci sono mai stati problemi, abusi, violenze o altro. Era una ragazza fantastica. Poi, circa un anno fa, ha iniziato a frequentare quella sgualdrina Eleanor che non sa prendermi in giro.

Ci sono persone che non possono tollerare la felicità degli altri. Questa ragazza era single e ovviamente gelosa del matrimonio di Sandy; così ha deciso di farla finita. Nessuno va d'accordo con Éléonore e, ovviamente, le sue coppie non durano mai.

Ho solo avuto la sfortuna che abbia incontrato mia moglie.    Quindi questa puttana ha iniziato a mettere tutti i tipi di critiche nella testa di Sandy su di me, e l'ha rivolta contro di me.

Dice a Sandy che non mi prendo cura di lei, che vado a letto con altre ragazze, ogni tipo di bugie. E lei ottiene ciò che vuole perché ora io e Sandy abbiamo iniziato ad avere discussioni terribili. Non andiamo affatto d'accordo da un anno. Dico a Sandy che non voglio che veda questa ragazza e lei non mi ascolterà. Nasconde il suo gioco e la vede alle mie spalle. E non voglio nasconderti nulla, ti dirò francamente che un paio di volte quest'anno sono crollato di fronte a tutte queste accuse e urla e gli ho dato alcuni buoni schiaffi. Ho bisogno di aiuto. Non lo nego. Ho bisogno di imparare a controllare meglio il mio stress. Non voglio che mi faccia arrestare. Forse posso ancora convincere Sandy a non porre fine a una grande relazione, perché per come stanno andando le cose, non saremo insieme tra sei mesi. '

È mia politica intervistare sempre il partner di ciascuno dei miei clienti il ​​prima possibile dopo l'iscrizione al programma. Ho raggiunto Sandy per telefono diversi giorni dopo e ho scritto il suo account:


"Daniel è stato fantastico quando abbiamo iniziato a uscire insieme, ma quando ci siamo sposati c'era già qualcosa che non andava. Era passato dal sentirsi come se fossi perfetto al criticarmi costantemente e stava diventando davvero di cattivo umore per ogni singola cosa. Non sono mai riuscita a capire come riportarlo a sentimenti migliori.

Mi ha spinto per la prima volta solo pochi mesi dopo le nostre nozze, e le esplosioni sono continuate due o tre volte l'anno. Di solito rompeva qualcosa o mi mostrava il pugno, ma alcune volte mi spingeva o mi schiaffeggiava.

Ci sono stati anni in cui non ha fatto niente di tutto ciò e ho pensato che non sarebbe successo di nuovo, ma ora è ricominciato tutto da capo, stava accadendo come onde. E non ha mai, mai smesso di picchiarmi e di dirmi cosa fare. Niente di quello che ho fatto ha trovato favore nei suoi occhi.

Comunque, un anno fa, mi sono fatto un nuovo amico, Éléonore. Ha iniziato a dirmi che il comportamento di Daniel era violento, anche se non mi aveva mai preso a pugni o ferito, e che non avevo fatto nulla per meritarmelo. All'inizio ho pensato che stesse esagerando, perché ho conosciuto donne che ci hanno sbavato molto più di me. E Daniel può essere davvero gentile e premuroso quando meno te lo aspetti. Che tu ci creda o no, abbiamo passato dei bei momenti insieme. In ogni caso, Éléonore mi ha aperto un po 'gli occhi. Così ho iniziato a oppormi a Daniel sul modo in cui mi stava parlando e gli ho detto che stavo pensando di trasferirmi per un po '. E quello che è successo è che è impazzito. Ti assicuro che qualcosa è cambiato in lui. In otto mesi mi ha schiaffeggiato due volte con il dorso della mano; un'altra volta mi ha buttato su una sedia e la mia schiena mi ha sganciato. Quindi ho finito per trasferirmi. Non ho ancora intenzione di tornare a vivere con lui, ma immagino che dipenda dal fatto che abbia successo nel programma Abuse Men's. '

Notare il contrasto tra questi ricordi.

Daniel descrive i primi dieci anni del suo matrimonio come liberi dalla violenza, mentre Sandy ricorda la denigrazione e persino l'aggressione fisica durante quegli anni. Sandy dice che Eleonor la aiuta e la sostiene, mentre Daniel la vede come una Sandy corrotta che la mette contro di lui. Daniel afferma che lui e lei sono ancora insieme mentre lei afferma che sono già separati. Ciascuno crede che l'altro abbia contratto un problema. Come possono le loro percezioni essere così opposte?

Nei prossimi capitoli esploreremo il modo di pensare degli autori di abusi nel tentativo di spiegare le gravi distorsioni dal punto di vista di Daniel. Si arrabbia di gelosia, ma altre volte sembra completamente razionale.

Durante una sessione di gruppo, un giovane cliente di nome Marcel ci ha descritto un confronto con la sua partner avvenuto la settimana precedente:


"Mia moglie ed io avevamo deciso di incontrarci all'ora di pranzo nell'atrio del palazzo dove lavora. Stavo aspettando vicino agli ascensori e quando è uscita ho visto che era stata lì da sola con un bel ragazzo. Aveva un certo aspetto anche lei. Non potevo davvero descriverlo, ma sapevo che c'era qualcosa nell'aria. Gli ho detto: 'Vuoi dirmi cosa stavi facendo lì? E ha fatto finta di non sapere di cosa stessi parlando. Mi ha davvero irritato e penso di averlo fatto esplodere. Probabilmente ho parlato un po 'più forte di quanto avrei dovuto. Ma ero arrabbiato. Gli ho detto: 'Ti stavi scopando questo tizio nell'ascensore, giusto? Non cercare di mentirmi, stronza, non sono una stupida. Ma ha continuato a fare l'innocente, dicendo che non lo conosceva nemmeno, il che è completamente sbagliato. '

Marcel era estremamente geloso, ma avevo lavorato con lui abbastanza a lungo da sapere che non era pazzo. Era lucido e logico nel gruppo, aveva una storia lavorativa stabile e amicizie normali; non dava alcun indizio per vivere in un mondo di fantasie e allucinazioni. Non aveva davvero sintomi del tipo di grave malattia mentale che potrebbe convincere un uomo che sua moglie sta facendo sesso in un ascensore, completamente vestita, in piedi tra i piani di un edificio di uffici affollato.

Marcel deve quindi sapere che la sua accusa non ha retto. E quando l'ho affrontato, lo ha ammesso.

Dal momento che anche il più geloso degli aggressori ha una buona conoscenza della realtà, perché fanno accuse apparentemente deliranti? C'è qualcosa che gli piace nell'imitare la follia? Cosa significa questo comportamento per loro? (Rispondo a queste domande nel capitolo 3, dove esaminiamo il problema della possessività.).

Riesce a convincere la gente a prendere la sua parte contro di lei.

Hervé ha quasi trent'anni e si è unito al mio gruppo di molestatori durante la terapia individuale. Mi ha detto fin dal primo giorno che si chiedeva se avesse o meno un problema, ma che la sua compagna di lunga data Ginette si stava preparando a rompere con lui perché lo vedeva come un uomo violento. Ha continuato descrivendo episodi in cui ha insultato o ignorato Ginette o deliberatamente ferita 'per mostrarle come si sentiva quando lei le ha fatto del male'.

Ha anche ammesso che a volte l'ha umiliata di fronte ad altre persone, flirtato con le donne quando era arrabbiato con lei e recentemente ha rovinato alcuni eventi davvero importanti della sua vita provocando grandi scontri. Stava giustificando tutto questo comportamento in nome dei modi in cui diceva di essere stato ferito da lei.

Nella mia procedura di valutazione di routine per il caso di Hervé, ho contattato il suo terapista personale per confrontare le nostre impressioni. Questo terapista si è rivelato avere opinioni forti sul caso:

Terapeuta: Penso che sia stato un grosso errore per Hervé iscriversi al tuo programma per uomini violenti. Gli manca molta autostima e crede che tutte le cose brutte si possano dire su di lui. Se gli dici che è un violentatore, servirà solo a distruggerlo ancora di più. Il suo partner lo chiama sempre un molestatore, per le sue ragioni. Ginette ha enormi problemi di controllo e soffre di nevrosi ossessivo-compulsiva. Ha bisogno di essere curata. Credo che iscrivere Hervé al tuo programma le dia solo quello che vuole.

BANCROFT: Quindi hai fatto consulenza di coppia con loro?

Terapeuta: No, vedo Hervé su base individuale.

BANCROFT: Quante volte l'hai incontrata?

Terapeuta: Non è mai stata qui.

BANCROFT: Quindi devi aver avuto lunghe conversazioni telefoniche con lei?

Terapeuta: No, non gli ho mai parlato.

BANCROFT: Non gli hai mai parlato? Hai assegnato a Ginette una diagnosi clinica sulla sola base delle descrizioni di Hervé di lei?

Terapeuta: Sì, ma devi capire che stiamo parlando di un uomo particolarmente lucido. Hervé mi ha fornito molti dettagli ed è perspicace e sensibile.

BANCROFT: Eppure ammette di aver esercitato contro di lei una seria violenza psicologica, anche se non la chiama così. Un violentatore non è una fonte affidabile di informazioni sul suo partner.


Ciò che Hervé ha ottenuto dalla sua terapia individuale è stato, sfortunatamente, il sostegno ufficiale alla sua negazione e alla sua prospettiva che hanno reso Ginette malata di mente. Come aveva plasmato l'opinione del suo terapeuta sulla sua partner per portarlo a questo atteggiamento?

Come possono gli autori di abusi essere così abili nel reclutare alleati in questo modo, comprese persone con molto status o influenza, e perché lo fanno?

(Queste domande sono l'argomento del Capitolo 11, 'Gli aggressori e i loro alleati'.)

Ci sono momenti in cui sembra perdere il controllo, ma altri comportamenti di controllo sembrano abbastanza deliberati in lui.

Diversi anni fa, un giovane di nome Marc si presentò a uno dei miei gruppi di molestatori. Quando un cliente si unisce al programma, stabilisco gli obiettivi comportamentali con lui il prima possibile. Di solito inizio chiedendo: 'Quali sono le prime tre o quattro cose che il tuo partner ha da dire su di te?' La risposta di Marc è stata:

'Una delle cose che Helene mi incolpa di più è dirmi che la sto trascurando. Dice che non l'ho mai messa al primo posto e che voglio sempre fare qualcosa di diverso da stare con lei, il che la fa sentire come se non avesse importanza. Mi piace avere tempo per me stesso o rilassarmi e guardare la TV. Immagino di tendere a fingere che non sia lì. '

Sulla base di quello che mi stava dicendo, ho scritto all'inizio del Piano comportamentale di Marc: "Passa più tempo con Helen. Dagli una priorità più alta. '

Ho avuto difficoltà a raggiungere Hélène, ma dopo tre settimane finalmente mi ha chiamato con una storia incredibile:

"Qualche settimana prima che Marc iniziasse il tuo programma, gli ho detto che avevo bisogno di una rottura totale nella relazione. Non ce la facevo più, con le sue urla e il suo egoismo. Non mi lasciava nemmeno dormire. Quindi non volevo nemmeno parlargli per un po '. Dovevo fare un passo indietro per rimettermi in piedi. L'ho rassicurato che la nostra relazione non era finita e che avremmo lavorato per ricollegarci tra pochi mesi, dopo una pausa.Poi, poche settimane dopo, mi ha chiamato e mi ha detto che si era iscritto a un programma per uomini violenti. Mi ha detto che il suo consulente voleva che passasse più tempo con me e che ha scritto questo sulla sua tabella di marcia e il programma gli ha detto che stare con me faceva parte del modo in cui avrebbe dovuto. cercare di risolvere i loro problemi. Non ero affatto pronto, ma allo stesso tempo non volevo interferire con il suo programma. Così ho iniziato a vederlo di nuovo. Voglio fare tutto ciò che può contribuire alla sua evoluzione. A dire il vero, avrei apprezzato un po 'più di tempo per la separazione, ma se è quello che consiglia il tuo programma ... "

Marc era riuscito a dirottare il programma per i propri fini. Spiegai a Helene cosa era successo e mi scusai per come il mio programma si fosse aggiunto alle tante difficoltà che aveva già con Marc.

L'alto livello di manipolazione che ha usato purtroppo non era insolito tra gli uomini violenti. Come possono gli aggressori essere capaci di tali calcoli quando altre volte sembrano perdere la mappa così gravemente? Come conciliare questi atteggiamenti? Questo è spiegato nel Capitolo 2, dove esaminiamo le razionalizzazioni che gli uomini violenti usano per giustificare il loro comportamento

A volte sembra davvero cambiare, ma tende ad andare via

Carl era un uomo di ventisei anni che era stato arrestato più volte per violenza domestica e alla fine aveva trascorso alcuni mesi in prigione. In una sessione di gruppo, mi ha detto:

"Il tempo trascorso in prigione mi ha aperto gli occhi. Alla fine ho capito che dovevo smetterla di incolpare gli altri per i miei problemi e invece guardarmi in faccia. Gli altri detenuti mi hanno detto la stessa cosa: se non vuoi essere qui, apri gli occhi e prendi il comando. Ho un brutto carattere e anche un po 'sadico ad essere onesti, e ho bisogno di risolvere questo problema. Non voglio trovarmi in esso per un motivo o per l'altro. "

Alla fine di ogni sessione Carl diceva cose come "vedo che ho davvero bisogno di migliorare il mio atteggiamento" e "ho imparato molto stasera su come le razionalizzazioni mi impediscono di cambiare". Una sera mi guardò e disse: "Sono davvero felice di averti incontrato perché se non avessi sentito le cose che dici, tornerei sicuramente dietro le sbarre. Mi aiuti a tenere la testa sulle spalle. "

Ho contattato la ragazza di Carl, Peggy, e le ho chiesto di raccontarmi la storia del problema degli abusi di Carl. Ho notato che sembrava distratta e a disagio. Sospettando fortemente che Carl stesse ascoltando la nostra conversazione, trovai una scusa per terminarla. Ma la volta successiva che Carl è venuto nel mio gruppo, ho lasciato che fosse il mio assistente a occuparsi della sessione e sono uscito per richiamare Peggy, per vedere se si sarebbe sentita più libera di parlare. Questa volta mi ha detto molto di più:

"Carl torna ogni settimana totalmente incazzato per i tuoi impegni. Ho il terrore di essere a casa il mercoledì sera. Dice che il suo programma è completamente schifoso e che non avrebbe dovuto essere lì e essere insultato dalla tua banda se non lo avessi denunciato alla polizia e sapessi che la nostra battaglia di stasera ... comunque è stata colpa mia. Dice che odia particolarmente questo ragazzo di nome Lundy. Qualche giorno fa gli ho detto di smetterla di incolpare me per avermi consultato e lui mi ha buttato contro lo stipite della porta e ha minacciato di strangolarmi se non avessi taciuto. Dovrei chiamare la polizia, ma questa volta ci vorrebbe due anni di prigione da quando è in libertà vigilata, e temo che basterebbe per uccidermi al suo rilascio. "

Peggy ha continuato a raccontarmi della serie di percosse subite per mano di Carl prima della sua incarcerazione; occhi neri, mobili rotti, la volta che le aveva puntato un coltello alla gola. L'aveva sempre incolpata per ciascuno di quegli attacchi, non importa quanto brutali o gravi fossero le ferite di Peggy.

Dopo aver parlato con Peggy, tornai alla sessione di gruppo, dove Carl si occupava della sua solita routine di esplorazione personale e confessione di colpa. Non ho detto niente, ovviamente; se avesse saputo che Peggy mi aveva detto la verità, sarebbe stato in un pericolo straordinario. Poco dopo quella sera, ho riferito al suo agente di libertà vigilata che non era un candidato idoneo per il nostro programma, senza rivelare il vero motivo.

Carl ha creato l'illusione di imparare molto in ogni sessione, e i suoi commenti hanno suggerito una seria riflessione sulle questioni coinvolte, inclusi gli effetti della sua violenza sul suo partner.

Cosa gli passava per la testa ogni settimana prima di tornare a casa? Come può un violentatore mostrare una tale consapevolezza delle proprie emozioni e continuare a comportarsi in modo così distruttivo? E come può avvenire un vero cambiamento? (Ritorneremo su queste domande nel Capitolo 14, "Il processo di cambiamento".)

QUESTE SONO SOLO ALCUNE delle tante domande confuse affrontate da chiunque - il coniuge di un uomo violento, un amico o un professionista - che sia alla ricerca di modi efficaci per rispondere a un comportamento aggressivo.

Sono arrivato a capire, dalla mia esperienza con oltre duemila molestatori, che l'uomo violento vuole rimanere un mistero.

Per sfuggire alle conseguenze del suo comportamento e per evitare di affrontare il suo problema, ha bisogno di convincere tutti intorno a lui - incluso se stesso - che il suo comportamento è illogico.

Ha bisogno che il suo partner si concentri su tutto tranne che sulle vere ragioni del suo comportamento.

Per vedere l'aggressore per quello che è veramente, è necessario rimuovere strato dopo strato di confusione, messaggi contrastanti e inganno.

Come chiunque abbia un problema serio, gli autori di abusi lavorano per mantenere il loro vero sé nascosto

Uno dei modi in cui l'aggressore evita di assumersi la responsabilità è convincerti che sei la causa del suo comportamento, o almeno che ne condividi la responsabilità.

Ma la violenza non è il prodotto di cattive dinamiche relazionali e non puoi migliorare le cose cambiando il tuo comportamento o cercando di trattare meglio il tuo partner. La violenza è un problema che appartiene interamente all'essere violenti.

In anni di intervento diretto con i molestatori e i loro coniugi, ho visto le forze reali alla base dell'enigmatico molestatore emergere in pieno giorno, formando un ritratto che per me ha avuto senso. Le prossime pagine ti faranno familiarizzare con i pezzi di un puzzle che ho visto unirsi gradualmente, tra cui:

* Perché i molestatori sono affascinanti all'inizio di una relazione ma non restano così a lungo?

* Quali sono i primi segni che possono avvertirti che sei con un uomo violento o controllante?

* Perché i suoi stati d'animo cambiano in un batter d'occhio.

* Cosa gli passa per la mente e come i suoi pensieri causano i suoi comportamenti.

* Quale ruolo hanno - e non giocano - alcol e droghe nella violenza del partner.

* Perché lasciare un partner violento non è sempre sufficiente per risolvere il problema.

* Come fai a sapere se un molestatore cambia davvero e cosa fare in caso contrario.

* In che modo i propri cari, i genitori e altri membri della comunità possono aiutare a fermare la violenza.

* Perché molti uomini violenti sembrano essere malati di mente e perché di solito non lo sono.


Esploreremo le risposte a queste domande su tre livelli.

Il primo di questi livelli è il pensiero dell'aggressore - i suoi atteggiamenti e le sue convinzioni - nelle sue interazioni quotidiane.

Il secondo livello è il suo processo di apprendimento, il modo in cui il suo pensiero ha iniziato a svilupparsi dalla sua giovinezza.

E il terzo comprende i benefici che trae dal controllo del suo partner, benefici che lo incoraggiano a ricorrere ancora e ancora a comportamenti violenti.

Mentre dissipiamo la cortina fumogena dell'uomo violento comprendendo questi fattori, scoprirai che la violenza risulta essere molto meno misteriosa di quanto appaia a prima vista.

C'è un intero mondo di credenze, percezioni e reazioni nella mente dell'aggressore che si uniscono in modo sorprendentemente logico.

Il suo comportamento ha senso.

Una facciata di irrazionalità e reazioni esplosive nasconde un essere umano con un problema comprensibile - e risolvibile. Ma lui non vuole che tu lo capisca.L'aggressore crea confusione per necessità. L'unico modo in cui può controllarti e intimidirti, reclutare coloro che lo circondano per schierarsi dalla sua parte e continuare a sfuggire alle conseguenze delle sue azioni è distrarre l'attenzione di tutti.

Quando il mondo comprende la strategia dell'aggressore, il suo potere inizia a diminuire.

Quindi andremo a guardare dietro la maschera dell'aggressore, al centro del suo problema.

Questo percorso è essenziale per la salute e il benessere delle donne maltrattate e dei loro figli perché quando capisci come funziona la mente del tuo coniuge, puoi iniziare a riprendere il controllo della tua vita. Esporre l'aggressore è anche un modo per fargli un favore perché non affronterà - e supererà - il suo problema altamente distruttivo finché potrà rimanere nascosto. Più comprendiamo chi abusa, più possiamo creare case e relazioni che sono paradisi di amore e sicurezza, come dovrebbero essere.

La pace inizia davvero a casa.


vedasi questo video ( 14:45 ) in cui l'autore spiega, in inglese, la strategia degli uomini violenti nelle controversie di diritto di famiglia (custodia dei figli, incesto, furto di pensioni alimentari, ecc. .): https://www.youtube.com/watch?v=i4_6GJYYyx8