Bannon e l'attacco politico sociale all'Europa. 

02.03.2019

Traduzione di un articolo del Prof. Luis Moreno - Profesor de Investigación del Instituto de Políticas y Bienes Públicos (CSIC)


 v. in link https://blogs.publico.es/otrasmiradas/17637/bannon-embajador-trumpista-en-europa/?fbclid=IwAR3WzuJV-0u5PTHmLWeG2X8bTcWugK_4yE-Htj_8x8vU5doOaKRulHjrub8


a cura dell'Avv. Michela Nacca


Si tratta, per lo meno, di un tipo particolare. Trasandato l'aspetto, presenza arrogante e ha dimostrato in modo evidente  la sua influenza politica nella riarticolazione della proposta neoconservativa con la vittoria  elettorale negli Stati Uniti di Ronald Reagan (1981-1989)  nel Regno Unito di Margaret Thatcher (1979-1990).

Lo stratega Bannon ha  rivitalizzato negli ultimi anni il reazionario discorso di Trump Donald, Boris Johnson, Marine Le Pen, Matteo Salvini, Viktor Orban, Jimmie Åkesson o Jair Bolsonaro, alcuni leader populisti che oggi accompagnano il panorama politico internazionale . Steve Bannon si è  guadagnato il diritto di una reputazione come  efficace ideologo del trumpismo globale. La nostra attenzione in questo articolo si concentra sul suo lavoro di apostolato e proselitismo nel Vecchio Continente. Tra le altre iniziative, promosse The Movement  in Europa, con sede a Bruxelles, e la cui intenzione finale non è altra che quella di minare e distruggere, in ultima analisi,  l'Unione europea. Si consiglia anche l'Istituto  Dignitatis humanae a Roma, che sostiene un taglio integralista del cattolicesimo, opposto  alle  idee di Papa Francisco aperto, ad esempio, di dare il benvenuto a omosessuali della Chiesa -? -  e divorziati.

Il primo avvertimento che dovrebbe essere fatto riguardo a Bannon è che non è un fascista in senso stretto. Potrebbe essere troppo per il lettore di affermare, anche in un linguaggio provocatorio mediático, che Benito Mussolini, fondatore del Fascio italiana contemporáneo, né è stato in un primo momento. Piuttosto, era un agitatore politico pragmatico che, dopo la sua partenza per Roma nel 1922, ha preso il potere del governo italiano con l'acquiescenza della monarchia sabauda e, anni dopo, ha imposto un regime totalitario basato sul teppismo e Dispotismo personalizzato. deriva la successiva come mamporrero delle atrocità di Adolf Hitler, e congiuntamente responsabili del peggior episodio della storia dell'umanità (Shoah), immarcescibile rimane come testimonianza della banalità del male. Come membro della commissione d'esame di una tesi di dottorato, ho potuto cogliere dopo aver letto la tesi di Simone Giannatiempo, Le Radici liberal-nazionaliste del fascismo, che l'origine e l'evoluzione del movimento fascista italiano era indissolubilmente legati alla precedente tessuto culturale, italiano legale e storico (unificante Risorgimento).

Le linee e le riflessioni di cui sopra servono da preambolo e riferimento accademico allo sviluppo del corpus ideologico illiberale rappresentato da Steve Bannon, la cui incarnazione politica rappresenta il pragmatico Donald Trump. Il miliardario newyorkese è fedele a una procedura politica che non segue le proposte per cambiare il mondo, ma per possederlo. Per questo, importa poco che verità, mezze verità o solo bugie diffuse (notizie false). Tutto è per il mantenimento del potere politico e la salvaguardia di un capitalismo da casinò che offre dividendi aziendali a breve termine e distruzione planetaria in un futuro sempre più in declino. Bannon fa appello a un tipo di risentimento primario individuale.

La migrazione, per esempio, è un argomento potente che alimenta ferocemente il populismo reazionario su entrambe le sponde dell'Atlantico e che continua ad avere un enorme impatto sul comportamento elettorale dell'elettore medio (media voter). Si insiste, senza alcun tipo di qualifica o prova empirica, che la migrazione sia responsabile della riduzione degli stipendi dei lavoratori nazionali. Inoltre, i confini devono essere chiusi per impedire l'ingresso di terroristi o criminali indesiderabili come i trafficanti di droga che pervertono la gioventù americana ed europea. La gente comune è tentata di accettare  un messaggio più tardo di un mondo migliore con posti di lavoro dignitosi per tutti, quando la realtà è orientata nella direzione opposta: crescente neofeudalismo e più lavoratori poveri, oltre ai disoccupati.

In Spagna, le idee di Bannon non hanno penetrato solo Vox, il partito nazionalista spagnolo reazionario che è entrato in vigore nelle passate elezioni andaluse. Conosciamo già l'ideologia di base di Vox che collega immigrazione, delinquenza e religione secondo le indicazioni di Bannon.

Per gli ambasciatori europei dello stratega trionfante, il Partito popolare di Pablo Casado è anche un interlocutore per sondare per formare un fronte comune. Nelle parole di Mischaël Modrikamen, partner di Bannon in The Movement, il figlioccio politico di José María Aznar non è lontano dalle sue posizioni.

Ricordiamo che, secondo il proprio Statuto, The Movement è: "il legame tra il movimento avviato dal Presidente D.J. Trump negli Stati Uniti e cittadini e movimenti politici in altri paesi, compresi gli attori della campagna per la Brexit, e quelli che si riconoscono nei [nostri] principi fondatori. L'entità mira a raccogliere il supporto con tutti i mezzi appropriati, compresi quelli finanziari, coordinando e rafforzando reciprocamente l'azione di questi cittadini e movimenti. Quindi, siamo avvisati. Per Bannon e i suoi scagnozzi, il nascente 2019, e in particolare le elezioni europee che si terranno il 26 maggio, determineranno in modo non trascurabile la direzione dell'eurizzazione. Il suo obiettivo non è altro che ottenere una maggioranza di euroscettici alle elezioni europee di maggio e quindi distruggere, democraticamente, l'UE. In un mondo sempre più anglo-boliviano, le politiche protezionistiche contenute nella emblematica proclamazione "First the United States" (America First) sembrano già avere un Regno Unito come partner minore che affronta il progetto europeo a testa alta.

Non passerà molto tempo prima che vediamo i primi scontri di battaglie politiche spinte in Europa da visionari come Bannon. Molto probabilmente l'euro risentirà ancora degli shock del mondo finanziario anglosassone che vive con disagio  la sfida della moneta della comunità europea per guadagnarsi una vita propria nel mondo della finanza internazionale. I paesi membri dell'UE faranno bene ad unire i loro sforzi in misura maggiore.

Si eviterà, in questo modo, la semplice assunzione di ruoli secondari in film con sceneggiatori oscuri come Steve Bannon. Buon anno 2019