The Parental Alienation Debate Belongs in the Courtroom, Not in DSM-5

01.10.2019

Il dibattito sull'alienazione parentale appartiene all'Aula di tribunale, non al DSM-5

Pubblichiamo questo interessante articolo, scritto da Timothy M. Houchin, John Ranseen, Phillip A. K. Hash and Daniel J. Bartnicki ,  pubblicato nel gennaio 2012 nel The Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law. 

https://jaapl.org/content/40/1/127.full  

La Task Force DSM-5 sta attualmente valutando se adottare il disturbo da alienazione parentale (PAD) come malattia mentale. Sebbene la controversia abbia circondato la PAD sin dalla sua istituzione nel 1985, i gruppi e gli individui pro-PAD hanno dato nuova vita alla spinta per affermarla come diagnosi di salute mentale. In questa analisi, sosteniamo che sarebbe un grave errore adottare il disturbo di alienazione dei genitori come una malattia mentale formale nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta Edizione (DSM-5).
Il disturbo da alienazione parentale (PAD), 1 precedentemente e forse meglio noto come sindrome da alienazione parentale (PAS), è una delle diagnosi più controverse in esame per l'inclusione nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta Edizione (DSM-5). Il dott. Darrel Regier, vicepresidente della Task Force DSM-5, ha riferito all'Associated Press di aver ricevuto più posta riguardo al PAD che su qualsiasi altra diagnosi proposta.2 A questo proposito, i gruppi a favore e contro l'inclusione del PAD nel DSM- 5 si stanno preparando per una battaglia che avrebbe dovuto essere finita prima che iniziasse.

Una nota sull'alienazione

I sostenitori della PAS hanno sostenuto per decenni senza successo che si tratta di una malattia mentale e dovrebbe essere inclusa nel DSM. Più recentemente, i sostenitori dell'alienazione parentale hanno rinominato PAS come PAD e lo hanno presentato formalmente per l'inclusione nel DSM-5. A parte la semantica, il concetto di alienazione dei genitori non è né unico né particolarmente controverso. L'alienazione è definita dal dizionario online di Merriam-Webster3 come "il ritiro o la separazione di una persona o degli affetti di una persona da un oggetto o una posizione di precedente attaccamento". Vi sono, naturalmente, numerose situazioni in cui le persone che sono arrabbiate con un individuo potrebbero prova a reclutare altri secondo il loro punto di vista. I politici si impegnano spesso in tattiche di alienazione per vincere le elezioni, ma si pensa poco a etichettare questo processo come una diagnosi.
Secondo gli autori, non c'è nulla di sbagliato nell'usare il termine alienazione dei genitori per descrivere la "campagna di denigrazione" di un genitore (vedi sotto) contro un'altra. Tuttavia, non vi è alcun buon scopo nel decidere di trasformare un processo di divorzio discutibile in una malattia mentale diagnosticabile. In questo articolo, il lettore vedrà che l'alienazione dei genitori come diagnosi psichiatrica è emersa da emozioni provenienti da battaglie di custodia, pubblicità ed economia piuttosto che da solidi studi scientifici.

L'origine di PAS

Richard Gardner, precedentemente psicoanalista e psichiatra infantile presso la facoltà clinica della Columbia University, ha introdotto il termine sindrome da alienazione genitoriale nel suo articolo di debutto sull'argomento nel 1985(4). In seguito avrebbe assunto un tono molto accademico nella sua raffinata definizione di PAS5: "Il la sindrome da alienazione parentale (PAS) è un disturbo che insorge principalmente nel contesto delle controversie sulla custodia dei figli. La sua manifestazione principale è la campagna di denigrazione del bambino contro un genitore, una campagna che non ha giustificazione. Deriva dalla combinazione di una programmazione ( lavaggio del cervello) indottrinazioni del genitore e contributi del bambino stesso alla diffamazione del genitore bersaglio [Rif. 5, pxx; enfasi nell'originale] ".
Nel decennio successivo, Gardner avrebbe continuato a scrivere in modo prolifico. Ha fondato la sua casa editrice, Creative Therapeutics, attraverso la quale ha pubblicato oltre 30 libri. Ha usato questa sede non solo per spiegare ed espandere le sue teorie riguardo alla PAS, ma anche per promulgare altre teorie problematiche. Ad esempio, ha apertamente sostenuto l'abolizione delle leggi sulla denuncia di abusi su minori6 e ha dichiarato controverso che i casi di abuso sessuale sono "accuse" per coloro che sono coinvolti nel processo giudiziario, compresi avvocati e giudici.7 Nonostante queste insolite affermazioni, Gardner era altamente ricercato come esperto testimone, che testimonia in oltre 400 casi di affidamento di minori prima della fine della sua carriera.

Critiche precedenti di PAS


Controverso sin dal suo inizio, PAS ha costretto molti studiosi a scrivere articoli critici sulla teoria di Gardner. Kelly e Johnston sono stati critici degni di nota della PAS, scrivendo nel loro articolo del 2001, "The Alienated Child, A Reformulation of Parental Alienation Syndrome", che "la terminologia della PAS ha portato a una diffusa confusione e incomprensioni nei circoli giudiziari, legali e psicologici" ( Rif.9, p 250). Hanno anche sottolineato la mancanza di supporto empirico per la PAS come diagnosi psichiatrica e il blocco della testimonianza della PAS in molte aule di tribunale.
Sebbene abbiano energicamente confutato la validità della PAS come diagnosi psichiatrica, Kelly e Johnston hanno riconosciuto nel loro articolo che a volte si verificano comportamenti alienanti nel corso delle controversie sulla custodia dei figli. È stato in questo contesto che hanno effettivamente rielaborato il concetto di alienazione dei genitori in modo che sia i praticanti che i tribunali possano applicarlo utilmente senza invocare una malattia mentale. Come ci si potrebbe aspettare, Gardner ha contestato la riformulazione di Kelly e Johnston, scrivendo una confutazione formale.10 Tragicamente, Gardner ha terminato la sua vita prima di poter vedere questo lavoro pubblicato nel 2004. Avendo l'ultima parola in una serie animata di scambi pubblicati, Kelly e Johnston ha presentato una risposta alla confutazione di Gardner che è stata pubblicata in tandem con esso
Le critiche alla PAS non si sono limitate ai professionisti della salute mentale, dal momento che anche gli studiosi legali hanno detestato accettare la premessa che l'alienazione dei genitori dovrebbe essere formalmente classificata come una malattia mentale. Ad esempio, nel suo articolo del 2002, "Sindrome da alienazione parentale e alienazione: sbagliarsi nei casi di custodia dei minori" 12 Carol S. Bruch, JD, ha espresso preoccupazione per la tendenza di Gardner a citare i suoi libri e pubblicazioni non sottoposti a revisione paritaria su PAS. Ha notato che in un articolo tipico, Gardner ha citato 10 fonti: 9 scritti propri e 1 di Sigmund Freud. Ha inoltre confutato il suggerimento di Gardner secondo cui la PAS era un fenomeno psichiatrico generalmente accettato, sottolineando che, quando la validità della PAS veniva contestata in tribunale, la sua testimonianza veniva spesso esclusa.
A nostro avviso, l'approccio di Gardner ai libri di auto-pubblicazione e poi citando se stesso come riferimento autorevole nella letteratura accademica andava oltre la semplice auto-esaltazione; era francamente fuorviante. Concordiamo con la signora Bruch che la rappresentazione inesatta della PAS come diagnosi accettata e credibile sbaglia su molti livelli.

Mancanza di una base empirica per PAS

Nella pubblicazione postuma di Gardner del 2004, 10 ha contrastato i critici che hanno costantemente sottolineato la mancanza di una base empirica per la PAS come diagnosi psichiatrica. Il termine empirico, sosteneva il dott. Gardner, poteva essere interpretato nel senso di osservazione diretta del paziente e quindi non doveva comportare la sperimentazione scientifica. Affermò che quando il termine empirico veniva interpretato in questo modo, c'erano ampie prove che la PAS rappresentava una diagnosi legittima. Ha quindi riconosciuto che a quel tempo esisteva un solo studio PAS (il suo) che aveva effettivamente applicato l'analisi statistica.
A nostro avviso, l'argomento su come si sceglie di definire la parola empirica è semantico. Non cambia il fatto che permanga una scarsità di prove scientifiche secondo cui la PAS (o PAD) dovrebbe essere una diagnosi psichiatrica.
Dalla morte di Gardner, altri hanno intrapreso la crociata per incoronare la sua creazione di PAS con l'accettazione in DSM-5. Ad esempio, il libro, Parental Alienation, DSM-V e ICD-(11,13)  è stato pubblicato nel 2010, sostenendo di avere dozzine di collaboratori di livello professionale. Il libro contiene il capitolo intitolato "Venti motivi per cui l'alienazione parentale dovrebbe essere una diagnosi", in cui l'autore ha cercato di affrontare la mancanza frequentemente criticata di supporto quantificabile ed empirico alla ricerca sulla PAS come diagnosi psichiatrica. Nel capitolo, l'autore ha citato due recenti studi sull'affidabilità dell'interratore nel fare la diagnosi di PAS.( 14,15) Entrambi gli studi hanno fatto uso di vignette cliniche scritte, chiedendo ai valutatori della salute mentale di leggerle e determinare se la PAS era o non era presente. Sulla base di questi due studi, l'autore di "Twenty Reasons" ha concluso che PAS ha raggiunto l'affidabilità dell'interratore. Non siamo d'accordo.
Innanzitutto, solo uno di questi studi è stato pubblicato in una rivista peer-reviewed. In secondo luogo, entrambi gli studi si basavano esclusivamente su vignette scritte, senza che nessuno studio allargasse la portata della valutazione per includere video, pazienti dal vivo o persino attori. In terzo luogo, un totale combinato di soli 45 valutatori ha effettivamente restituito i sondaggi degli oltre 350 inviati. Di quei sondaggi che sono stati restituiti, solo 34 sono stati considerati utilizzabili. A nostro avviso, l'etichettatura della PAS come diagnosi fattibile sulla base di questi studi limitati con oscillazione statistica minima è sbagliata.
Molti studiosi di medicina, psicologia e legge hanno esaminato la letteratura riguardante la PAS. In breve, hanno costantemente riscontrato una mancanza di studi empirici pubblicati su riviste peer-reviewed. Gli studi sulla PAS mostrano in genere un basso numero di partecipanti allo studio, il che ci fa mettere in dubbio come alcuni abbiano citato questi studi come prova che la PAS (o PAD) dovrebbe essere una diagnosi nel DSM-5.

Economia della PAS


Come per ogni accesa controversia, si devono esaminare le possibili motivazioni finanziarie che possono influenzare le posizioni di coloro che sono coinvolti nel dibattito. Sfortunatamente, per avere una buona idea del supporto di PAS, bisogna solo seguire la pista dei soldi. Il contenzioso derivante dallo scioglimento del matrimonio è stimato in un settore di $ 28 miliardi.16 Non è un segreto che il costo del divorzio e il contenzioso di custodia possano aggiungere un ulteriore aspetto di stress a tutti i soggetti coinvolti. L'aggiunta di ulteriore complessità ai problemi connessi alla custodia dei figli serve solo a aggravare l'onere finanziario a carico delle famiglie colpite. Una diagnosi formale di PAS, con gli esperti di duelli obbligatori che testimoniano in un'udienza di custodia, può diventare una fonte primaria di generazione di tasse per tutti tranne che per la famiglia divorziata.
L'articolo della Associated Press sopra citato2 ha continuato a parlare di come la diagnosi di PAS potrebbe raccogliere più affari per coloro che sono coinvolti nella valutazione della custodia dei figli. L'articolo ha messo in luce l'opinione di Elizabeth Kates, un avvocato che contesta i casi di affidamento di minori. "È monetario", ha detto Kates. "Questi psicologi e terapisti fanno enormi guadagni facendo valutazioni e terapie."
Come suggerito da Kates, ulteriori valutazioni sarebbero un vantaggio finanziario per i valutatori che già supervisionano un processo complicato con più variabili che incidono sui costi. Nel 2001, la psicologa Dr. Ira Turkat ha scritto un articolo in cui anche lui ha fatto luce sull'economia delle valutazioni sulla custodia dei bambini: "Le valutazioni sulla custodia possono essere costose ... Nel 2003, la Corte d'appello della Florida ha notato che uno psicologo ha addebitato $ 20.000- un importo pari all'intero patrimonio netto delle parti e ha messo in dubbio come potrebbe essere nel migliore interesse di un bambino che le risorse della famiglia vengano esaurite con commissioni di questa entità [Rif. 17, p 8]. "
Per un valutatore di affidamento professionale professionale e orientato all'affare, l'adozione di PAS o PAD come diagnosi psichiatrica in buona fede nel DSM-5 rappresenta una potenziale opportunità a sorpresa per aumentare le entrate delle tasse. Quasi sicuramente ci sarebbero più interviste e test richiesti da entrambi i genitori che cercano i servizi di esperti indipendenti per testimoniare l'esistenza di PAS nei loro figli.
Non ci vuole molta previsione per vedere come l'inserimento della PAS in una situazione di custodia possa servire a intensificare ulteriormente una situazione già tesa, aggiungendo tempi di preparazione fatturabili per avvocati e psichiatri, riducendo al contempo la probabilità di un accordo amichevole senza un'audizione o un processo completo.

PAS e Hollywood


L'alienazione dei genitori non ha solo attirato l'attenzione dei professionisti della salute mentale, ma ha anche suscitato vivace discussione tra avvocati, assistenti sociali, genitori e persino celebrità di Hollywood. L'attore Alec Baldwin ha scritto un libro sulla paternità18 che conteneva il capitolo "L'alienazione dei genitori". Inoltre è apparso in vari talk show che descrivono in dettaglio come credeva che la sua ex moglie, l'attrice Kim Basinger, avesse alienato sua figlia. Mentre il dialogo sull'alienazione di Baldwin non ha avanzato scientificamente nessuna delle teorie della PAS, è servito a portare la PAS nella discussione principale.
Nel 2010, PAS è stato il soggetto del famoso programma televisivo Law and Order ed è stato successivamente descritto e citato in The Huffington Post.19 Nell'episodio, un avvocato della difesa ha tentato di utilizzare PAS per scolpire un giovane accusato di aver ucciso la fidanzata di suo padre dopo secondo quanto riferito essere alienato da sua madre. Il giudice nell'episodio ha respinto l'argomento PAS, ma l'American Psychiatric Association non sta chiaramente respingendo PAS (D), almeno non per ora, poiché considera l'aggiunta di PAD come diagnosi al DSM-5.

Stato attuale di PAS

Come accennato in precedenza, diverse persone stanno portando l'accusa di includere l'alienazione dei genitori nel DSM-5. Oltre a contribuire all'alienazione parentale, DSM-V e ICD-11,13 molti di questi individui sono stati anche attivi nel simposio canadese per la sindrome da alienazione parentale. Poco dopo la pubblicazione del libro, questo gruppo ha tenuto un enorme forum pro-PAS presso la Mount Sinai School of Medicine di New York City.20
Un attuale oppositore dell'inclusione della PAS nel DSM-5 è lo stimato psicologo Lenore Walker, PhD, che è stato tra i primi a descrivere la sindrome della donna maltrattata. Nel 2010, ha pubblicato un articolo che ribadisce l'affermazione in Alienazione dei genitori secondo cui la PAS è una malattia mentale diagnosticabile.21 Facendo eco alle critiche della PAS da parte di altri scrittori, la dott.ssa Walker ha sollevato la tesi, se classica, che esiste una scarsità di dati empirici supportare una diagnosi psichiatrica formale di PAS. Nel 2010 è stato anche pubblicato il libro di testo, Principi e pratica della salute mentale forense infantile e adolescenziale, 22 che ha accreditato i dottori. Kelly e Johnston hanno ampiamente sostituito il paradigma PAS del dott. Gardner per quanto riguarda l'alienazione dei genitori.Invia commentiCronologiaSalvate

conclusioni

Gli argomenti a favore e contro l'alienazione dei genitori come diagnosi di salute mentale sono stati intensi e in corso per decenni. Gardner ha iniziato il movimento PAS, citando le sue opere autopubblicate come prova che la PAS è una malattia mentale. I critici di Gardner hanno costantemente citato la mancanza di ricerche empiriche a supporto di tale diagnosi. Tuttavia, i sostenitori della PAS hanno recentemente dimostrato un alto livello di organizzazione, vocalizzazione e coesione. Hanno raccolto molta stampa e hanno persino ricevuto supporto dalle celebrità di Hollywood.
Non c'è dubbio che codificare il fenomeno comune dell'alienazione come un disturbo mentale formalizzato complicherebbe ulteriormente molte controversie sulla custodia, aumentando così il tempo e il denaro necessari per valutare queste già complicate situazioni. Ci si deve chiedere se parte dell'interesse dei professionisti della salute mentale a sostegno dell'inclusione di PAS o PAD nel DSM-5 abbia più a che fare con l'interesse economico che non con la convinzione che porterebbe a un miglioramento della pratica clinica.
Crediamo che l'alienazione di un genitore si verifichi in alcuni casi di affidamento di minori? Ovviamente! Il divorzio è una situazione intensa ed emotivamente carica, che spesso fa emergere il peggio in tutte le parti. Detto questo, riteniamo che i tribunali siano abbastanza capaci di affrontare questo tipo di scenario senza invocare una malattia mentale per spiegare la malignità di un bambino contro un genitore.
Nel migliore dei casi, l'adozione di PAS o PAD come diagnosi formale nel DSM-5 serve solo a confondere ulteriormente i professionisti della salute mentale e i tribunali. Nel peggiore dei casi, allinea le tasche degli avvocati e dei testimoni esperti aumentando il numero di ore fatturabili in un determinato caso. Crea un nuovo livello di dibattito, in cui solo esperti qualificati possono impegnarsi, aggiungendo alle già oscure acque della testimonianza di divorzio. Riteniamo che la PAS (D) non abbia né il supporto empirico né la rilevanza clinica per giustificare la sua adozione come malattia mentale. Ad ogni modo, ogni parte dovrebbe essere autorizzata a presentare una valida discussione per ottenere la custodia in tribunale, ma questi bambini in conflitto, catturati nel mezzo, non dovrebbero essere etichettati come malati di mente.

Ringraziamenti
Gli autori ringraziano la bibliotecaria medica dell'Università del Kentucky, Tag Heister, MSLS, per la sua collaborazione in questo sforzo.

References

  1.  American Psychiatric Association: DSM-5 Development. Conditions Proposed by Outside Sources. Available at https://www.dsm5.org/ProposedRevisions/Pages/ConditionsProposedbyOutsideSources.aspx. Accessed February 23, 2011Google Scholar
  2. Crary D: Is Parental Alienation a Mental Disorder? MSNBC.com. Available at https://www.msnbc.msn.com/id/39463768/ns/health-mental_health. Accessed February 23, 2011Google Scholar
  3.  Merriam-Webster Online Dictionary. Available at https://www.merriam-webster.com/dictionary/alienation. Accessed March 16, 2011Google Scholar
  4. Gardner RA: Recent trends in divorce and custody litigation. Academy Forum, 29:3-7, 1985Google Scholar
  5. Gardner RA: The Parental Alienation Syndrome (ed 2). Cresskill, NJ: Creative Therapeutics, 1992, p xxGoogle Scholar
  6. Gardner RA: Revising the child abuse prevention and treatment act: our best hope for dealing with sex-abuse hysteria in the United States. Issues Child Abuse Accus 5:25-7, 1993Google Scholar
  7. Gardner RA: Sex Abuse Hysteria: Salem Witch Trials Revisited. Cresskill, NJ: Creative Therapeutics, 1991, p 31Google Scholar
  8. Lavietes S: Richard Gardner, 72, dies; cast doubt on abuse claims. The New York Times. June 9, 2003. Available at https://query.nytimes.com/gst/fullpage.html?res=9F05E0DB1539F93AA35755C0A9659C8B63. Accessed March 16, 2011Google Scholar
  9. Johnston JR, Kelly JB: The alienated child: a reformulation of parental alienation syndrome. Fam Court Rev 39:249-66, 2001Google Scholar
  10. Gardner RA: Commentary on Kelly and Johnston's 'The Alienated Child: A Reformulation of Parental Alienation Syndrome.' Fam Court Rev 42:611-21, 2004Google Scholar
  11. Johnston JR,Kelly JB: Rejoinder to Gardner's "Commentary on Kelly and Johnston's 'The Alienated Child: A Reformulation of Parental Alienation Syndrome.' " Fam Court Rev 42:622-8, 2004Google Scholar
  12. Bruch CS: Parental alienation syndrome and alienated children: getting it wrong in child custody cases. Fam Law Q 35:527, 2001Google Scholar
  13. Bernet W: Parental Alienation, DSM-V and ICD-11. Springfield, IL: Charles C Thomas Publisher, Ltd., 2010Google Scholar
  14. Rueda CA: An inter-rater reliability study of parental alienation syndrome. Am J Fam Ther 32:391-403, 2004Google Scholar
  15. Morrison SL: Parental Alienation Syndrome: An Inter-Rater Reliability Study. Doctoral dissertation, University of Southern Mississippi, Hattiesburg, MS, 2006Google Scholar
  16. Hoffman L: To have and to hold on to. Forbes.com. Available at https://www.forbes.com/2006/11/07/divorce-costs-legal-biz-cx_lh_1107legaldivorce.html. Accessed January 18, 2012Google Scholar
  17. Turkat ID: On the limitations of child-custody evaluations. Court Rev 48:8-13, 2005Google Scholar
  18. Baldwin A: A Promise to Ourselves: A Journey Through Fatherhood and Divorce. New York: St. Martin's Press, 2008Google Scholar
  19. Wilson S: Parental Alienation: Law & Order Tackles the Topic. Huffington Post. December 2, 2010. Available at https://www.huffingtonpost.com/2010/12/02/parental-alienation-law-o_n_791401.html. Accessed February 23, 2011Google Scholar
  20.  Canadian Symposium for Parental Alienation Syndrome: American Psychiatric Association Considers Parental Alienation for the DSM-V. Available at https://cspas.ca/press_release_aug_2010.shtml. Accessed February 23, 2011Google Scholar
  21. Walker LE,Shapiro RL: Parental alienation disorder: why label children with a mental diagnosis? J Child Custody 7:266-86, 2010Google Scholar
  22. Benedek EP,Ash P,Scott CL  Ludolph PS: Child custody evaluation, in Principles and Practice of Child and Adolescent Forensic Mental Health. Edited by Benedek EP, Ash P, Scott CL. Washington, DC: American Psychiatric Publishing, 2010, p 154Google Scholar