P.A.S. e dintorni.....


La "Alienazione Genitoriale" non esiste!

Lo studio delle Avvocate Michela Nacca e Simona D'Aquilio è impegnato, insieme a numerosi altri professionisti e professioniste di diverse discipline, a combattere la PAS o Alienazione Genitoriale, in diversi ambiti: in primis nelle aule dei tribunali, ma anche attraverso attività di  formazione, informazione, tramite la comunicazione e nel rapporto con le IstituzionI.

In tale ottica ci stiamo concentrando nell'esame dei ddl  45, 118, 735, 768  e 837, tutti collegati ed attualmente all'esame congiunto della 2 Commisione Giustizia del Senato, in sede redigente,  che all'interno di una radicale riforma del diritto separativo/divorzile, vorrebbero introdurre la "alienazione genitoriale", considerato come disturbo relazionale,  per legge: sia come nuova fattispecie di reato, in ambito penale (ddl 45 a firma dei Senatori De Poli, Binetti e altri...), sia come  "praesumptio juris et de jure" nei casi di affidamento dei minori, in ambito civile, in opposizione a richieste di affido esclusivo dei figli a ragione della violenza subita o assistita (ddl 735 cd Pillon Camerini ecc ecc).


Si informa che tutti i diritti su immagini originali  e quanto scritto nei nostri articoli sono riservati, se utilizzati deve essere riportata la fonte, il link  e l'autore - trasgressioni saranno perseguite © 2019

E' dal 1985, cioè dall' inizio della invenzione "PAS", che i suoi "creatori" e sostenitori attuano una intensa operazione di lobbying e pressioni affinchè l'Alienazione Parentale (dapprima sotto forma sindromica, poi come disturbo relazionale) venga inserita nell'elenco dei disturbi psichici del Manuale diagnostico DSM e/o dell'ICD redatto...

Report della Commissione di inchiesta sul femminicidio e la violenza sulle donne in Italia